Solfiti e Veleno

Veleno
Solfiti
SOLFITI
VELENO
Vai ai contenuti

         
 Dose minima

Chi scrive è una vittima consapevole dei solfiti, ma quante sono e saranno le vittime inconsapevoli dei solfiti? migliaia, decine di migliaia, milioni? Forse nessuno lo saprà mai. Mentre facevo queste riflessioni cercavo sul web “anidride solforosa”, la madre di tutti  i solfiti, qualche interessante opinione al riguardo, quasi subito mi apparve “anidride solforosa”, Dalla-Roversi il titolo di una bella canzone di Lucio Dalla e di un suo album. Smisi ogni ricerca e iniziai a ricordare quello che avevo vissuto quarantacinque anni fa. A quel tempo andavo spesso a pranzo presso la trattoria ”Nerone” al colle oppio, a Roma, cosi si chiamavano, “trattorie”, piccoli ristoranti, ottima cucina a costi contenuti che purtroppo oggi non esistono più. Il posto era frequentato da vip tra i quali ricordo Azeglio Ciampi, futuro presidente della Repubblica e appunto Lucio Dalla e altri. Forse Dalla soffriva  a causa dei solfiti? I pensieri scorrono veloci, mi riportano indietro nel tempo, anni 70, fu in quella trattoria che compresi il motivo della mia sofferenza, che ancora, seppure in misura minore persiste a distanza di molti anni, pur eliminando alimenti contenenti solfiti o anidride solforosa o anche solo istintivamente considerandoli  pericolosi.                 (segui la lettura nel blog)


SOLFITI VELENO

di           
Benedetto Moscatelli

Veleno
Solfiti
Torna ai contenuti